La Sostituzione del Filtro per l’Abitacolo della Fiat Bravo

La Sostituzione del Filtro per l’Abitacolo della Fiat Bravo

16 Gennaio 2015 0 Di gnius

sostituzione-filtro-fiat-bravoIl è pensato per impedire, trattenendole, l’ingresso nell’abitacolo di un’auto di pollini, polveri sottili ma anche fuliggine e tutta una serie di agenti inquinanti che, pur non essendo visibili ad occhio nudo, possono arrecare un grave danno alla salute.

Per quanto riguarda la Bravo, il cambia in base alla motorizzazione dell’auto: dunque è la potenza del motore in kilowatt, insieme all’anno di fabbricazione della vettura, a determinare quale sia il adatto.

Nel caso sia della tipologia a carboni attivi permette non solo di proteggere da queste tipologie di inquinanti ma anche di trattenere una serie di gas nocivi per la salute come ozono, benzolo e toluolo eliminando anche quegli sgradevoli odori che, quando ci si trova in mezzo al traffico, possono risultare un vero e proprio rischio per la salute.

filtro-abitacoloMa come cambiare il filtro abitacolo della Bravo? Come per la maggior parte dei filtri, è infatti necessario sostituirlo con una certa regolarità, indicativamente ogni due anni, individuandolo a monte del sistema di ventilazione, per continuare a garantire all’interno del veicolo una buona qualità dell’aria; in base alle motorizzazioni, potrete trovarlo dietro il vano porta oggetti oppure nel compartimento motore.

Nel primo caso è sufficiente rimuovere il vano porta oggetti e aprire la maschera che permette di far uscire il filtro; su quello nuovo, prima di posizionarlo nell’alloggio, è bene spruzzare un prodotto antibatterico, per poi rimettere la maschera e rimontare il vano porta oggetti.

Nel secondo caso invece è necessario aprire il cofano ed individuata la sede del filtro abitacolo, rimuovere la maschera ed effettuare in pochi minuti la sostituzione.

In questo modo sarà possibile garantire all’interno del veicolo una buona qualità dell’aria per un lungo periodo di tempo, senza il rischio di respirare sostanze potenzialmente tossiche.

Condividi subito

Dello stesso argomento: