Assicurazione RC Moto: ecco tutto quello che devi sapere

su
Gnius
immagine al post Assicurazione RC Moto: ecco tutto quello che devi sapere

Cos’è l’assicurazione moto? Chi deve sottoscriverla? Cosa accade quando arriva la stagione fredda e la moto resta in garage inutilizzata? Dove puoi trovare una buona polizza auto conveniente ed elastica? Ecco le risposte a tutte le tue domande!

Cos’è l’assicurazione moto?

L’assicurazione moto, o polizza RC Moto un contratto obbligatorio per tutti i possessori di motocicli e ciclomotori. È disciplinato dalla legge 990 del 1969 e, dunque, è previsto dal Codice delle Assicurazioni istituito con il Decreto Legislativo 209/2005. Si tratta di una copertura per i danni causati dalla circolazione dei veicoli a due ruote con massimali che variano in base alla tipologia di contratto.

Questa tipologia di polizza prevede il risarcimento dei danni causati dal conducente a persone o cose durante la guida della moto ed è obbligatoria come per i veicoli a quattro ruote. In assenza di tale polizza il soggetto rischia il sequestro del veicolo, una sanzione pecuniaria e la decurtazione dei punti della patente. A questo si aggiunge l’obbligo di risarcire i danni causati a persone o cose in caso di colpa.

Come si trova quella più conveniente?

Le polizze moto, tuttavia, prevedono anche una serie di garanzie accessorie non obbligatorie ma vivamente raccomandate. Per questo scegliere l’offerta migliore sul mercato diventa spesso molto complicato. Come mai una polizza può avere un costo così diverso tra varie compagnie?

Tutto dipende dal tuo status di motociclista e dalle garanzie accessorie che deciderai di sottoscrivere. Per capire meglio potresti provare a simulare un preventivo RC moto su Assicurazione.it ad esempio, e inserire alcune informazioni che riguardano la tua patente ed il tuo veicolo. Il sistema genererà una serie di proposte ordinate in base al prezzo più conveniente e ai servizi opzionali aggiuntivi inclusi.

Cosa determina il costo?

Dopotutto con l’assicurazione la compagnia si assume il rischio di tutelarti e, quindi, se il tuo passato alla guida non è dei più esemplari il costo della polizza sarà maggiore. Al contrario se sei sempre stato un conducente modello l’RC sarà molto conveniente.

A questa spesa determinata dagli archivi IVASS e dal tuo attestato di rischio si aggiungono le sopra menzionate garanzie accessorie che possono coprire furto e incendio, gli infortuni del conducente, l’assistenza stradale e la tutela legale in caso di sinistro.

A determinare il costo della polizza moto concorre anche il tipo di veicolo che può essere ciclomotore o motociclo. Che differenza c’è tra i due? Te li spieghiamo qui di seguito. Il motociclo è un veicolo a due ruote con cilindrata superiore ai 50cc mentre i ciclomotori hanno potenza inferiore e si possono guidare dai 14 anni in su.

Vale la pena pagare l’assicurazione anche quando la moto è ferma?

Dipende. Molte compagnie offrono lo stop periodico durante l’anno per cui, durante l’inverno, paghi meno o sospendi l’assicurazione. Ovviamente il veicolo non dovrà mai circolare in strada durante il periodo di sospensione e potrà tornare a farlo solamente alla riattivazione della polizza. Queste garanzie andrebbero sempre controllate prima della stipula e personalizzate in base al periodo di utilizzo del motociclo o del ciclomotore.

Condividi subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi