Brutte notizie sul bollo auto. La prescrizione passa da 3 a 10 anni, e non solo.

su
Gnius
immagine al post Brutte notizie sul bollo auto. La prescrizione passa da 3 a 10 anni, e non solo.

Brutte notizie sul bollo auto. Una vera e propria batosta sta per abbatersi sulle tasche degli automobilisti,
in particolare quelli che hanno hanno una cartella equitalia da 3 anni per il bollo auto non pagato.
Un emendamento inserito nella legge di Bilancio 2018 intende allungare a 10 anni la prescrizione sul bollo auto non pagato,
a fronte dei 3 anni precedenti.

notizie sul bollo auto

Brutte notizie sul bollo auto e multe

Nella bozza della legge di Bilancio 2018, il ddl è stato approvato lo scorso 16 ottobre, cancella la prescrizione breve a 3 o 5 anni, e porta tutto a 10 anni.

In parole povere la prescrizione per le multe stradali passa a 10 anni, quella sul bollo auto passa a 10 anni,
facendo così l’Agenzia Entrate Riscossione ha tutto il tempo di vedere gli ultimi 10 anni di multe e pagamenti mancanti,
e andare a recuperare questi soldi con le relative more.

Disparità di trattamento tra passato e futuro

I consumatori ovviamente si sono arrabbiati ancora una volta indicando che è una Disparità di trattamento.
E le cattive notizie sul bollo auto non sono finite qui.
L’emendamento della legge è retroattivo, il che significa che se hai ricevuto una cartella per il bollo auto nel 2015 oggi andrebbe in prescrizione nel 2018, con l’emendamento invece andrà in prescrizione nel 2025, che è praticamente mai.

Questo creerebbe una forte disparità di trattamento.
Chi ha ricevuto la cartella esattoriale per il bollo auto non pagato nel 2017 potrà vedersi soggetto di pignoramento e/o al fermo auto per 10 anni, dalla notifica della cartella.
Per quelli che non pagheranno il bollo auto dal 2018 la prescrizione tornerà triennale.
Non è giusto.
Consideriamo pure che la Cassazione aveva sancito che la prescrizione non poteva superare i 3 anni.

Roberto Tascini, presidente dell’ADOC (Associazione Difesa Orientamento Consumatori), è molto chiaro:

Il governo cancelli questa norma dalla legge di Bilancio, che non solo non tiene conto della sentenza della Cassazione e della giurisprudenza, ma genera un’iniqua disparità di trattamento tra i contribuenti e vìola diritti acquisiti.
Già il bollo auto è una delle tasse più odiate dai contribuenti e pesa in media 147 euro l’anno a veicolo, ma ora cambiare le carte in tavola facendo rivivere debiti andati in prescrizione non farà altro che distruggere la fiducia dei contribuenti verso lo Stato.

E noi siamo d’accordo.

Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *