Sicurezza al volante: gli aspetti fondamentali

Sicurezza al volante: gli aspetti fondamentali

18 Maggio 2021 0 Di gnius

La sicurezza delle autovetture è un aspetto fondamentale che bisogna valutare con estrema attenzione ogni qualvolta ci si mette al volante. Ogni minimo dettaglio può fare la differenza e quando si parla di sicurezza stradale, che coinvolge sia i conducenti che i passeggeri, non si può scendere a compromessi.

Sicurezza al volante

Foto di Skica911 da Pixabay

Per una guida sicura e senza rischi sono due i fattori da considerare: il conducente e lo stato di salute dell’auto. Le perfette condizioni psicofisiche dell’uno abbinate ad un eccellente “stato di forma” dell’altra rappresentano il binomio vincente per una marcia sicura.

Consigli al conducente per una guida sicura

L’errore umano è uno dei principali motivi di incidente, quindi il conducente deve mettersi alla guida in perfette condizioni psicofisiche. Non deve bere prima di mettersi al volante, o comunque nei limiti consentiti, ed è consigliabile se possibile un riposante sonnellino prima di un lungo viaggio.

Ovviamente bisogna rispettare tutte le normative del codice della strada, prestando attenzione a determinate situazioni che possono verificarsi. Le entrate e le uscite dalle gallerie rappresentano ad esempio situazioni piuttosto critiche, poiché l’occhio deve rapidamente abituarsi alla mutata condizione. Non bisogna frenare di botto né in entrata né in uscita, ma decelerare e procedere con cautela.

Altra situazione complessa è il sorpasso, che va effettuato solo se ci sono le condizioni per farlo. Gli indicatori di direzione vanno applicati sia durante la manovra di sorpasso che di rientro in corsia. Chi viene sorpassato deve favorire la manovra senza accelerare, altrimenti aumenterebbero lo spazio ed il tempo per completare il sorpasso.

Uno dei primi insegnamenti che danno alla scuola guida è mantenere la distanza di sicurezza dal veicolo che ci precede. In tal caso molto dipende dalla capacità di giudizio del guidatore, che deve valutare diversi fattori come velocità, condizioni climatiche, manto stradale ecc.

Check-up dell’auto: cosa controllare?

Il check-up completo dell’auto è un’operazione da effettuare periodicamente, oppure in prossimità di un lungo viaggio.

Di fondamentale importanza è il controllo dei fluidi e dei livelli. Merita un’attenzione particolare l’olio lubrificante che va controllato almeno 2 volte all’anno. Vanno controllati anche il liquido refrigerante ed il liquido tergivetri e sostituiti periodicamente il filtro aria, il filtro carburante ed il filtro abitacolo, operazioni che vanno generalmente eseguite durante i tagliandi.

Un altro fattore determinante per la sicurezza stradale è lo stato di salute dei freni. Se ravvisi una frenata lunga o avverti un poco rassicurante rumore metallico quando freni, è il caso di controllare l’impianto frenante. Un disco consumato rischia di curvarsi, determinando vibrazioni anomale. Le pastiglie devono avere un buono spessore per garantire il giusto attrito e quindi una frenata efficace. Gli ammortizzatori devono essere dritti e le sospensioni in ottimo stato.

Sulla sicurezza stradale incidono molto anche gli pneumatici. Gomme in buone condizioni assicurano una buona tenuta di strada, uno spazio di frenata ridotto, una maggiore stabilità ed anche consumi minori. Il battistrada deve quindi avere il giusto spessore (almeno 1,6 mm di profondità) ed è opportuno verificare lo stato di pressione delle gomme. Vale la pena anche un’ispezione visiva dello pneumatico, per individuare eventuali rigonfiamenti, “bozze”, scheggiature o chiodi che possono determinare pericolosi sbandamenti o altre anomalie. È infine opportuno controllare sempre la ruota di scorta.

Bisogna verificare attentamente che tutto l’impianto di illuminazione funzioni correttamente, per garantire a se stessi e agli altri utenti della strada la massima visibilità. È obbligatorio avere a disposizione il kit di sicurezza in caso di auto in panne, costituito da triangolo e giubbotto catarifrangente.

Guarnizioni in gomma delle portiere: un aspetto erroneamente sottovalutato

Le guarnizioni auto per porte e finestrini vengono generalmente ignorate, ritenute elementi secondari. Non è affatto così, anzi avere guarnizioni portiere in perfetto stato contribuisce a migliorare notevolmente la sicurezza stradale e a mantenere il veicolo in perfetto stato, garantendone così una durata maggiore.

Le guarnizioni dell’auto sono elementi in gomma che isolano le parti metalliche della carrozzeria, impedendo che possano sfregare tra di loro. Inoltre evitano l’ingresso di spifferi, rumori fastidiosi ed anche pioggia o detriti che comprometterebbero la stabilità del mezzo ed il comfort durante la marcia a tutti gli occupanti del veicolo.

Trattandosi di elementi sottoposti ad un notevole stress, rischiano di deteriorarsi e rovinarsi rapidamente. Questo discorso vale sia per le guarnizioni delle portiere che dei vetri dell’auto. Al di là della sicurezza stradale, bisogna quindi considerare anche la protezione del mezzo da ladri e malintenzionati. Una guarnizione usurata o malfunzionante rende la vita più facile ai ladri, che possono aprire facilmente porte o finestrini e quindi rubare il mezzo o ciò che è contenuto all’interno.

Periodicamente quindi bisogna sottoporre i profili in gomma per i vetri dell’auto e per le portiere ad un’attenta manutenzione, sostituendoli se risultano eccessivamente usurati e quindi non in grado di fornire prestazioni soddisfacenti. Sono disponibili diverse soluzioni di mercato, che possono essere personalizzate secondo le specifiche necessità per offrire prestazioni altamente performanti in ogni condizione e per un lungo periodo.

Condividi subito

Dello stesso argomento: